Agenda di donne.

Nel promuovere un’agenda di donne per una città più inclusiva, più giusta e più accogliente l’Associazione Orlando intende portare al centro del dibattito pubblico e della politica della città le visioni, i bisogni e le proposte di tante donne diverse. Segui il percorso dell’Agenda di Donne.

Pagina in aggiornamento

Premessa

La nostra voce e la nostra rappresentazione sono ancora limitate, anche in una città come Bologna, dove siamo la maggioranza della popolazione residente (52,7%) e siamo presenti nel mondo del lavoro (68,1%) più che nella media nazionale 50,1% (ISTAT 2019).

L’attuale crisi legata alla pandemia ha evidenziato le discriminazioni strutturali che noi donne fronteggiamo e ne sta acuendo gli effetti in modo sproporzionato in tanti ambiti, dalla condivisione dei carichi di cura, all’occupazione, la violenza domestica, la povertà, l’accesso ai servizi -in particolare ai servizi per la salute sessuale e riproduttiva-, l’imprenditoria, la formazione, l’accesso alla rete, le competenze digitali e tanti altri. Le donne che affrontano forme multiple di discriminazione e disuguaglianza, come le donne con esperienze migratorie o le richiedenti asilo, le donne disabili, le donne trans, le donne in stato di povertà e altre in situazioni di emarginazione corrono rischi maggiori di ulteriore esclusione sociale. Nel mondo del lavoro la pandemia colpisce soprattutto le donne. Secondo i recenti dati ISTAT, sui nuovi 101 mila disoccupati di novembre 99 mila sono donne.

Le ragioni sono note: il lavoro femminile è fragile perché le donne sono maggiormente occupate nei servizi, nei lavori precari o nei quali è più facile licenziare, a cominciare dal lavoro domestico. Per questo le donne perdono di più. È pertanto assolutamente prioritario l’elaborazione, a tutti i livelli di governo a partire da quelli più prossimi, di politiche pubbliche capaci di assumere il punto di vista di genere nei vari settori, in grado di eliminare le discriminazioni ancora profonde tra donne e uomini e far emergere forme del convivere in cui le donne si riconoscano con agio. A questo fine sono da cogliere le opportunità aperte, e le responsabilità indotte, dalla disponibilità di ingenti contributi economici dall’Europa attraverso il Recovery Fund.

Per questi motivi l’Associazione Orlando lancia la chiamata alle donne di Bologna a costruire insieme un’agenda politica capace di presentare alla città priorità di azione irrinunciabili e urgenti che il Comune, nelle sue aree di competenza, può intraprendere per trasformare Bologna in uno spazio più inclusivo, giusto e più accogliente.   

 

Il percorso di ascolto avviato dall’Associazione Orlando per costruire insieme alle donne di Bologna, l’”Agenda di donne per una città +inclusiva, + giusta e + accogliente”, utilizza pratiche e metodi ampiamente sperimentati nei processi partecipativi.

Il percorso, al momento ancora aperto, è fondato come i precedenti sull’ascolto e nasce in un momento non solo particolare ma di profonda crisi legata alla pandemia del COVID 19. 

News Agenda

Fai la differenza. Per un'agenda politica delle donne di Bologna

Il questionario ha la finalità di raccogliere dati e proposte dalle donne che vivono a Bologna   L’obiettivo è costruire insieme un’agenda politica delle donne capace di presentare alla città le priorità di azione irrinunciabili e urgenti che il Comune può intraprendere per trasformare Bologna in uno spazio di vita più inclusivo, più giusto, più […]
access_time 03 Nov 2020 / Agenda di donne

Un’agenda delle donne per la città

Orlando lancia la chiamata alle donne di Bologna a costruire insieme un’agenda politica capace di presentare alla città le priorità di azione irrinunciabili e urgenti che il Comune, nelle sue aree di competenza, può intraprendere per trasformare Bologna in uno spazio di vita più inclusivo, più giusto, più accogliente.
access_time 07 Ott 2020 / Agenda di donne