Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Davanti e dietro la scrittura - Donne e uomini alle prese con identità di genere, ruoli, gerarchie e riconoscimento pubblico - comunicato stampa

on .

Esiste una scrittura femminile? E se esiste, corrisponde al consunto stereotipo, ancora in uso in Italia, di genere rosa, sentimentale e lacrimevole? Qual è la formazione di una scrittrice e in cosa differisce da quella di uno scrittore? Perché se le donne costituiscono la maggioranza dei lettori forti nel nostro paese, alle scrittrici, alle donne che lavorano in ambito editoriale o più in generale nella cultura, manca ancora un pieno riconoscimento in termini di ruoli apicali e di autorevolezza? perché sono ancora pochissime le donne ai vertici delle direzioni editoriali dove si decidono le strategie e i libri da inserire in catalogo?

Per cominciare a ragionare su questi temi abbiamo organizzato alla Biblioteca Italiana delle Donne di Bologna sabato 18 aprile dalle 10 alle 18 una giornata di riflessione con il titolo Davanti e dietro la scrittura. Donne e uomini alle prese con identità di genere, ruoli, gerarchie e riconoscimento pubblico. Accanto alle relazioni di Giulio Mozzi, Luca Pareschi, Helena Janeczek, Luisa Finocchi, Roberta Mazzanti, Tiziana de Rogatis, Gino Ruozzi, Daniela Brogi, Bia Sarasini, abbiamo previsto una discussione alla quale abbiamo invitato autrici ed autori, come Simona Vinci, Grazia Verasani, Marcello Fois, ma anche lettrici e lettori che fanno parte dei numerosi circoli di lettura attivi a Bologna, come Anobii e Bookies&Cookies.

L’obiettivo è fare il punto della situazione ma soprattutto interrogarci su quali leve culturali e antropologiche possano essere messe in atto per una maggiore valorizzazione della qualità indipendentemente dal genere, non per tornare a un neutro indistinto ma per sottolineare la ricchezza delle differenze.

Il progetto è stato curato da Alessandra Sarchi, autrice di Violazione (Einaudi 2012) e L’amore normale (Einaudi 2014) e Annamaria Tagliavini, direttrice della Biblioteca Italiana delle Donne di Bologna.

Link: Il programma completo della giornata

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna