Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Una città desiderabile: continua la raccolta firme del gruppo Native / Migranti

on .

Il gruppo di donne migranti e native, che si è aggregato a partire dall'Agenda politica "La città desiderabile" e agisce all'interno di Carovana, ha individuato nell'umiliante trafila per il permesso di soggiorno uno dei tratti emblematici e incivili di una città (Paese) poco accogliente.


MigrantiSiamo un gruppo di donne che aderiscono al progetto "Carovana". Questo è il nome che si sono date le donne che hanno partecipato alla creazione dell'Agenda politica di Donne per Bologna, risultato di un lavoro di interviste e di incontri che ha coinvolto centinaia di donne italiane e straniere residenti a Bologna a partire dalla domanda: ”Se la tua voce di donna contasse come cambierebbe questa città?”

L’Agenda richiama l’importanza di creare una città che si faccia carico di costruire situazioni e relazioni rispettose dei bisogni e della dignità di ciascuno. Non a caso si parla di città ospitale e inclusiva.

Il gruppo ”Scambi Migranti/Native”, che si è costituito in seno alla “Carovana”, nell’assumere lo spirito e l’impostazione dell’Agenda si è allargato a un significativo ventaglio di donne di diversa nazionalità, che si confrontano per riflettere e assumere alcune iniziative politiche e culturali.
Questa è una prima proposta che intendiamo portare avanti.

Di fronte all’idea di una città inclusiva e ospitale ci siamo immediatamente poste il problema del disagio delle persone immigrate davanti alla Questura per le diverse pratiche burocratiche (in particolare il rinnovo del permesso di soggiorno), pratiche che sono vitali per “l’esistenza” nella nostra città. Si tratta di una situazione di vera inciviltà e ingiustizia, che lede la dignità, che crea drammi personali e familiari per i tempi e i modi delle procedure. Questo lo abbiamo considerato come fatto emblematico da cui partire. Pensiamo che l’indifferenza della città, di fronte a fatti così gravi e incivili, concorra a spiegare il profondo senso di isolamento e di solitudine patito soprattutto dalle donne straniere e che le partecipanti al gruppo hanno evidenziato con molta determinazione.

Tale disagio denuncia infatti non solo una mancanza di ascolto da parte delle pubbliche istituzioni, ma anche indifferenza della città e dei cittadini. La città di Bologna non può permettersi il perdurare di una condizione che lede la dignità e i diritti di tanti cittadini: ore e ore di coda, giornate lavorative perse, incertezza totale sulla propria collocazione.

Anche in questo quadro legislativo, che giudichiamo pessimo, abbiamo visto che in altri comuni, in altre province, dove si è prodotto uno sforzo di collaborazione tra la Questura e gli Enti locali, dove gli Enti locali si sono fatti promotori di una iniziativa forte, con risorse umane e tecnologiche, alcuni risultati ci sono stati.

Ad esempio a Ravenna: “grazie ad uno staff eterogeneo ed efficiente, composto di poliziotti, ma anche di impiegati del comune, di dipendenti dell’Agenzia delle Entrate, dipendenti dell’Amministrazione civile dell’Interno e di lavoratori interinali, la Questura di Ravenna avvalendosi di una struttura informatica eccellente riesce a consegnare qualcosa come 400 permessi di soggiorno alla settimana. Le richieste di rinnovo sono raccolte e registrate previa prenotazione negli uffici del Comune, dove avviene il controllo della documentazione presentata; l’iter prosegue poi in questura dove avviene il ritiro della documentazione".

"I risultati sono positivi; l’elenco dei permessi pronti è aggiornato in tempo reale su Internet; ogni mattina circa 80 persone riescono ad avere un appuntamento per conoscere o definire la propria pratica. Una corsia preferenziale è prevista poi per gli stagionali, che riescono ad ottenere il primo nulla osta per l’immediato inserimento nel lavoro, in 48 ore; per i ricongiungimenti è stato creato un apposito sportello dedicato".

"L’attivazione dello sportello unico in Questura permette sostanzialmente all’immigrato di completare, sul posto, l’iter procedurale della richiesta di permesso, iscrizione all’anagrafe e attribuzione del codice fiscale.” (Informazioni tratte dal sito del Ministero dell’interno)

Molto significative sono anche le intese conseguite fra le Amministrazioni provinciali di Forlì-Cesena e Reggio Emilia e le rispettive Questure e Prefetture per la prenotazione decentrata dei servizi agli stranieri da parte della Questura e l’accelerazione delle procedure. Da notare come tutte queste esperienze siano sostenute dalla presenza di mediatrici/mediatori linguistico-culturali, figure oggi essenziali nell’organizzazione di tutti i servizi ai cittadini.

Dunque è possibile nel quadro legislativo attuale migliorare la situazione.

Ci facciamo promotrici quindi di una azione rivolta alla Questura e al Comune e alla Provincia di Bologna perché la situazione nella nostra città venga affrontata e risolta. Per questa azione intendiamo chiedere il sostegno e la mobilitazione di tutta la città: dell’associazionismo femminile, delle associazioni delle donne e uomini immigrati e di tutti coloro, dei gruppi e organizzazioni attivi sui temi dell’immigrazione, dei sindacati e dei datori di lavoro, dei Quartieri e di tutti/e i/le cittadini/e di Bologna.

Chi, singola e/o associazione, volesse aderire all'iniziativa, può inviare una mail, segnalando nome e cognome a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Hanno aderito:
  1. Rita Alicchio
  2. Francesca Steiner
  3. Tamara Fiodorova
  4. Lucia Cammelli
  5. Madeleine Kouhon
  6. Loretta Michelini
  7. Giovanna Masiero
  8. Renana Ferdous
  9. Lucia Di Lucca
  10. Donzelli Margherita
  11. Elina Sandoval
  12. Laura Tartari
  13. Fernanda Minuz
  14. Soheila Hannaneh
  15. Alessandra Angelini
  16. Giovanna Casciola
  17. Paola Zappaterra
  18. Raffaella Lamberti
  19. Eva Lorenzoni
  20. Grazia Negrini
  21. Elena Del Grosso
  22. Raffaella Baccolini
  23. Nadia Urbinati
  24. Luisa Brunori
  25. Anna Draghetti
  26. Elda Guerra
  27. Norma Cagnina
  28. Federica Fabbiani
  29. Cinzia Bavieri
  30. Ketty Spataro
  31. Rita Monticelli
  32. Alessandra Allegrini
  33. Gioia Virgilio
  34. Fabiana Terenzi
  35. Annamaria Tagliavini
  36. Azzurra Celli
  37. Elisa Coco
  38. Milena Schiavina
  39. Lalla Golfarelli
  40. Associazione Orlando
  41. Pacita Marcos Amaro
  42. Lydabeth Amrao
  43. Romacita Amaro
  44. Arthur Sibayan
  45. Mynaa Ariola
  46. Joseph Ariola
  47. Abraham Ariola
  48. Teresita Guimang
  49. Alex Guimang
  50. Meliza Rivera
  51. Ruvel Rivera
  52. Edna Gomzagan
  53. Salvador Gomzagan
  54. Edmon Gomzagan
  55. Francesca Artioli
  56. Tommaso Cavazza
  57. Prehilda Diego
  58. Roger Diego
  59. Regina Apilado
  60. Roel Apilado
  61. Gregorio Apilado
  62. Silvana Marchioro
  63. Patrizia Rampioni
  64. Federica Ruffini
  65. Giovanna Gozzi
  66. Katia Zanotti
  67. Paola Leone
  68. Monica Farnetti
  69. Clotilde Barbarulli
  70. Liana Borghi
  71. Elena Bougleux
  72. Eleonora Chiti
  73. Mary Nicotra
  74. Letizia Lanza
  75. Ivana Sandoni per la segreteria della Camera del Lavoro di Bologna
  76. Lella Di Marco
  77. Patrizia Violi
  78. Luki Massa
  79. Fuoricampo Lesbian Group
  80. Teresa Ganzerla
  81. Associazione Armonie
  82. Sabrina Ardizzone
  83. Paola Leone
  84. Le docenti di Raccontarsi. Laboratorio di mediazione interculturale di genere.
  85. Maria Chiara Risoldi
  86. Alessandra Inglese
  87. Chiara Berti
  88. Marianella Sclavi
  89. Associazione Diversa/mente
  90. Arianna Passerini
  91. Irene Ruggero
  92. Marzia Vaccari
  93. Gianlupo Lupi
  94. Marcella Brizzi
  95. Ermelinda Zaimi
  96. Scholé Future
  97. Chiara Sebastiani
  98. Emanuela Rullo
  99. Ludovica Grillo
  100. Manuela Ghesini
  101. Associazione Antilope
  102. Fanny Cappello
  103. Lucia Ferrante
  104. Piera Serra
  105. Agorà dei Mondi, Associazione di donne immigrate e italiane
  106. Associazioni Donne Nigeriane
  107. Ajoke Hundein
  108. Anjana Saxena
  109. Associazione culturale Indo-Italiana
  110. Baslam Fouzia
  111. Nko Nko Nathanael
  112. Annamaria Alichio
  113. Clizia Perna
  114. Demetrio Collina
  115. Rossana Di Renzo
  116. Enrico Pancaldi
  117. Simfrosa V. Gagote
  118. Marjea V. Gagote
  119. Marlon V. Gagote
  120. Leo Albert V. Gagote
  121. Ever Tabayoyong
  122. Eddie Bueno
  123. Reselda Muendillo
  124. Aljandra Gagote
  125. Danilo Gagote
  126. Sherwin Gagote
  127. Danie Gagote
  128. Racquel Gagote
  129. Jovito Gagote
  130. Jenny Gagote
  131. Josie Bulseco
  132. Amador Bulseco
  133. Eddie Pascula
  134. Vivian Pascula
  135. Mely Pascula
  136. Sonia Pascula
  137. Eusebio Duyane
  138. Perla Duyane
  139. Gigi Ursua
  140. Raul Ursua
  141. Rupin Tabayoyong
  142. Helen Tabayoyong
  143. Edwin Tabayoyong
  144. Mel Ursua
  145. Artemio Ursua
  146. Ely Ursua
  147. Dimas Ursua
  148. Rogelio Macato Jr.
  149. Ferdinand Miland
  150. Marlito Martin
  151. Ana Marie Macato
  152. Rogelio S. Diego
  153. Vivian B. Diego
  154. Vinez Jaclynn B.Diego
  155. Celia S. Garcia
  156. Eden C. Garcia
  157. Merla S.Isibido
  158. Francisca Marcos
  159. Maria Lida Di Iorio
  160. Teresa Santandrea
  161. Susanna Lama
  162. Matteo Lama
  163. Paolo Resca
  164. Coccia Alessandra
  165. Maria Teresa Neri
  166. Leila D'Ettorre
  167. Giuliana Maria Grazia
  168. Anna Di Pietro
  169. Silvia Strazzari
  170. Felice Cozzolino
  171. Fulvia Giacobozzi
  172. Pasquali Mariaelena
  173. Raffaele Pasquali
  174. Ruggeri Vittoria
  175. Niccoli Floriana
  176. Strazzari Gianni
  177. Daniela Volta
  178. Franco Casarini
  179. Guerzoni Rodolfo
  180. Landi Ettore
  181. Stomeo Corrado
  182. Schiavo Stefano
  183. Beatrice Cimmino
  184. Berculean Olga
  185. Anna Cimmino
  186. Gabriele Lenzi
  187. Clara Gandolfi
  188. Nadia Gagliardi
  189. Marta Gellini

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna