Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti.


Appello: L'ultima parola è la nostra. Dall'evidenza scientifica all'etica della responsabilità

on .

Raccolta firme contro gli attacchi alla legge 194 ed alle donne in generale.

Contrastiamo l'abitudine a pensare che sui temi essenziali che riguardano la nostra vita, le nostre esperienze che si fanno corpo e anima, noi donne e uomini comuni fatichiamo a prendere una decisione consapevole.

Osserviamo che in una società di esperti hanno autorevolezza lo scienziato, il filosofo, il teologo, il giurista e recentemente il bioeticista, tutti “rigorosamente” di sesso maschile, mentre noi donne non abbiamo parola pubblica. Ma oggettività scientifica e soggettività non sono mondi separati e le tecnologie che riguardano la vita e la morte sono oggi tali da modificare la percezione, il senso e quindi la lettura che noi diamo di esse. Dal concepimento al morire, le opportunità (e i rischi!) offerti dalle biotecnologie mediche ci obbligano singolarmente e collettivamente a operare scelte e mettere in atto decisioni spesso difficili. Ad esse la scienza contribuisce in termini di conoscenza e ampliamento delle possibilità. Ma l'ultima parola spetta alla donna all’uomo che di quelle scelte vivranno le conseguenze.

Noi contrastiamo la violenza di un'etica dei principi indiscutibili e astratti con l'etica della responsabilità e denunciamo che il vuoto lasciato dall'assenza di una cultura laica delle istituzioni è riempito dalla Chiesa e dai codici deontologici delle associazioni e/o corporazioni degli esperti, scientifici e non, che dettano la propria legge.

Le questioni eticamente sensibili diventano così strumenti che mirano a fare dei corpi di uomini e donne le nuove "res publicae", su cui e attraverso cui arrivare alle "nuove sintesi" politiche che spesso avvelenano la civile convivenza e il quadro democratico.
Questo sta accadendo: ieri sulla legge 40, oggi sulla 194, la moratoria, la lista di Ferrara e l'incursione all'ospedale di Napoli!

Riproponiamo l'autonomia e la libertà di una donna di scegliere per se stessa anche quando è “uno e due contemporaneamente”, cioè quando è gravida, affermando che è portatrice di una responsabilità che ne fa un soggetto morale capace di compiere la scelta di essere o non essere madre e di interrogarsi sul senso e la qualità di quella vita che ha deciso di mettere al mondo.
La Chiesa Cattolica ha riconosciuto un'anima alle donne nel 1431! Quanti secoli ancora per essere riconosciute soggetti morali?
Denunciamo la voluta confusione che ha animato il recente dibattito sull’obbligo di rianimazione dei feti vitali anche in presenza di una decisione contraria della madre. Si sono confuse questioni diverse: aborto terapeutico e nascita prematura.

Aborto terapeutico e nascita prematura stanno su piani diversi, hanno ricadute ed effetti differenti, le cui responsabilità non sono del tutto chiare dal punto di vista della legge.
Nel primo caso il riferimento è la legge 194 dove in nome del diritto alla salute della madre, ed in presenza di una grave malformazione del feto, la legge consente alla donna di porre fine a quella vita.
Nel secondo caso siamo in presenza di un trattamento terapeutico su un “minore” già nato che non è in grado di esercitare quel "consenso informato" di cui il medico ha bisogno per agire sul corpo del paziente e che è l'espressione della autonomia di scelta di ogni cittadino/a sancita dalla Costituzione.

Tale questione non riguarda la 194 ma il diritto di limitare i trattamenti di rianimazione e di sostegno vitale Un feto di 4- 5 mesi, può esercitare questo diritto? La risposta è evidente: no! Allora chi lo fa per esso? Chi è il soggetto morale che lo può fare? Una legge astratta dello Stato in nome di un'etica dei principi, un codice deontologico medico che si fa legge o la donna che l'ha nel suo corpo (quel feto è parte di essa) e la cui etica della responsabilità le consente di coniugare i fatti, che inaspettatamente le vengono presentati, con i valori che fino a quel momento l'hanno conformata?
Noi rispondiamo che quella donna che ha dolorosamente scelto di interrompere a 5-6mesi dall’inizio, una gravidanza desiderata è l'unica autorizzata a parlare e a prendere la decisione.

proponenti

Elena Del Grosso genetista, docente di bioetica Università di Bologna Rete delle donne di Bologna
Maddalena Gasparini medico, gruppo Bioetica Società Italiana Neurologia Milano
Eleonora Cirant Ass Osa-Donna Osservatorio Donne Salute
Lea Melandri Libera Università delle Donne Milano


Per aderire inviare una email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Queste le prime adesioni:

Brunella Del Re docente di Genetica Università di Bologna
Maria Cristina Pezzoli docente di Genetica Università di Bologna
Sandra Grazia docente di Genetica Università di Bologna in pensione
Rita Alicchio docente di Genetica Università di Bologna in pensione
Imma Rubies docente Patologia Vegetale Università Bologna Ass. Orlando
Daniela Guerra Docente Genetica Università Bologna
Adriana Valente, comunicazione della scienza ed educazione, Consiglio Nazionale delle Ricerche di Roma
Sveva Avveduto, Consiglio Nazionale delle Ricerche, IRPPS di Roma
Luciana Libutti primo ricercatore, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma
Chiara Lalli Docente di Logica e Filosofia della Scienza, "Sapienza", Roma
Dr. Adriana La Volpe, PhD Primo Ricercatore CNR Istituto di Genetica e Biofisica Napoli
Alessandra M. ALBERTINI Professor of Genetics Università di Pavia Dipartimento di Genetica e Microbiologia Pavia
Barbara Mazzotti Rete delle Donne di Bologna Specializzanda in Filosofia Università di Bologna
Sara Turchetti, dottoranda da Firenze, 29 anni
Patrizia Caporossi, docente di Filosofia e Storia (Liceo classico di Ancona e Ssis-Indirizzo Scienze Umane dell'Università di Macerata).
valeria palumbo caporedattore L'Europeo
Patrizia Caporossi
silviapalombi
Gaia Varon (società delle storiche)
Corinna Lorenzi, insegnante (Bolzano/Bozen)
Lea Reitsamer, pensionata (Bolzano/Bozen)
Raffaella Lamberti, Coordinatrice del Centro delle Donne della Città di Bologna
Fernanda Minuz Presidente Associazione Orlando Bologna
Milena Schiavina resp. Camera del Lavoro - CGIL Bologna e Rete delle Donne di Bologna
Giuseppina Tedde - Assessora Provincia di Bologna
Katia Zanotti Parlamentare Ass. Orlando e Rete delle Donne di Bologna
Vania Zanotti Consigliera provinciale Rete delle Donne di Bologna
Roberta Galeano Studentessa Napoli
Marina Calloni, prof. di filosofia politica e sociale, Università di Milano-Bicocca.
Nadia Urbinati Columbia University
Loredana Nalli dottoranda di ricercaPaola Livi – Milano
Barbara Pietroni (poetessa)
Paola Piacitelli
Maria Grazia Meriggi, storica, università di Bergamo
Monica Dal Pos, specializzanda in antropologia, anni 38
Anna Lisa Palermo studentessa laureata in filosofia presso il dipartimento di scienze relazionali dell'università degli studi di Napoli Federico II.
Francesca Koch, Roma
Paola Di Cori Storica
Nera Gavina - pensionata femminista lesbica
Gabriella Rossetti Università di Ferrara
Mariagrazia Rossilli Università Parma-- Casa Internazionale delle donne Roma--Società Italiana delle Storiche
brunella antomarini
Luki Massa Regista, sceneggiatrice. Attivista politica lesbica. Fuoricampo Lesbian Group
Maria Chiara Risoldi, psicoanalista Spi
Donatella Cortellini, insegnante
Giovanna Vingelli, sociologa, Università della Calabria Centro di Women’s Studies “Milly Villa” dell’Università della Calabria
Maria Grazia Negrini. Tavola delle donne sulla violenza e sulla sicurezza nella città Bologna
SIMONA GASPARETTI LANDOLFI ricercatrice di Filosofia nell'università do Roma3.
Chiara Gattullo, Bologna, Educatrice
Lalla Golfarelli Esperta politiche sociali/ responsabile dipartimento
Anna Scatigno
Maria Paola Patuelli Ravenna Ass Orlando
Roberta Mazzanti editor
Arianna Cozzolino, medico palliativista , membro della Consulta di Bioetica
Eva Virgili Recasens, Studentessa dell'Università di Pisa, 26 anni.
Francesca Molfino, psicoanalista, Roma
Ivana Sandoni SPI CGIL
Elisabetta Lodoli, regista
Elisabetta Tedeschi, consigliera Verdi per la pace
comune di Monterenzio
Patrizia Violi Università di Bologna Ass. Orlando
Patrizia Farina Scienze Statistiche Milano Bicocca
Giuseppina Larocca, dottoranda Università di Pisa
Federica Zucchi
Laura Rossi, dottoranda di ricerca in storia contemporanea, 29 anni, Genova.
Gaia Tripoli giornalista
Paola Zappaterra Associazione Orlando Bologna
Cristina Cacciari, Professore ordinario di Psicologia, Facoltà di Medicina, Modena
Lucia Ghiringhelli
Giovanna Gozzi Assoc. Orlando Bologna
Sandra Schiassi Rete delle Donne di Bologna
Elisa Coco Ass. Comunicattive Bologna
Paola Lembo dottoranda in gender and border studies presso l'Università degli Studi di Milano
Paola Brandolini (ArciLesbica Bologna)
Marcella Di Folco Movimento d' Identità Transessuale
Carla Arconte ex insegnante, consigliera comunale Terni
Liana Borghi Docente Università di Firenze
Ilenia Meoni di Prato Società delle Storiche
LUISA BRUNORI docente Università di Bologna
collettivo colpo di streghe di Mantova
Patrizia Mondini Grassina Bagno a ripoli FI
alessandra allegrini, ricercatrice studi di genere e scienza
GIANCARLA CODRIGNANI ex-parlamentare, giornalista
Silvia Zamboni, giornalista
Teresa Degenhardt, collaboratrice alla cattedra di criminologia (Queens University Belfast)
Elena Camerin Associazione Orlando Bologna
Marcella Audino Associazione Orlando Bologna
Olga Pignatelli Asso Orlando
Piera Stefanini Redazione Radiocitta fujiko Bologna
Wiebke Steen
Teresa Bertilotti
Liliana Tucci
Caterina Misiti giornalista
Federica Fabbiani
Cristina Rotatori
Elisabetta Tedeschi
Patrizia Gubellini
Linda Ferri scrittr
Teresa Ganzerla insegnante ass Armonie e Rete delle Donne di Bologna
Barbara Romagnoli
Anna Cazzulani (Madre ICSI Londra, legge 40)
Alisa Del Re Docente di Politica sociale nella UE e politiche di Pari opportunità, Università di Padova
Elena Musiani
Giovanna Casciola Ass Orlando
Giuliana Costa docente politiche sociali Politecnico di Milano
Alessandra Angelini Ass Orlando
Mauria Bergonzini ANCD CONAD
Paola Pesci Storica
Samantha Cavicchi
Elisa Coco Stefania Guidi comunicattive
Lucia Jorini
Antonella Veltri
Alessandra Albertina
Sibilla Morgantini
Laura Di Maria
Livia Belvedere
Annarita Calabrò Università di Pavia
Linda Porciani - ricercatrice- Università di Siena
Adelisa Malena -storica - Università di Siena
Beatrice Pisa -Scienze politiche- Università La Sapienza- Roma
Simona Gasparetti Landolfi - filosofa- Università Roma3
Danila Tarquini - neurologa- Roma
Sara Mecocci - assistente di volo - Siena
Marta Mecocci - impiegata- Siena
Francesca Dinelli - operaia - Siena
Sandra Betti -assistente di volo - Siena
Giuseppe Ferraro- filosofo- Università FedericoII Napoli
Simona Marino -filosofa - Università FedericoII- Napoli
Massimo Buffa - anestesista - Roma
Emma Baeri - storica -Università di Catania
Francesca Marone -Pedagogia -Università Federico II -Napoli
Fortunato Maria Cacciatore - filosofa - Università della Calabria
Donatella Barazzetti - sociologa- Università della Calabria
Giovanna Callegari - filosofa- Università di Napoli
Elena Brambilla -docente Storia moderna - Università Milano
Renate Siebert - sociologa - Università della Calabria
Valentina Patrizia Chiarappa - impiegata
Beatrice Campodonico- docente Conservatorio
Elisa Guzzo Vaccarino- storica
Nicoletta Gandus- magistrata- Milano
Maria Grazia Campari- avvocato- Milano
Antonella Del Prete- Scienze politiche Università della Tuscia
Bianca La Monica- magistrata- Milano
Tiziana Noce
Arianna Cozzolino, medico- Comitato di Bioetica
Giovanna Vingelli -sociologa- Università della Calabria
Vinzia Fiorino- storica- Pisa
Nicoletta Poidimani
Raffaella Petrilli -Università della Tuscia
Luisa Accati- storica- Università di Trieste
Margherta Hack: Ecco la mia firma contro questa vergognosa campagna
Mariella Saviotti pensionata Terapista riabilitazione Rete delle Donne di Bologna
Antonella Veltri – Cosenza Centro contro la violenza alle donne "Roberta Lanzino" e CNR-ISAFOM
Teresa Rossano insegnante Rete delle Donne di Bologna
Tartari Laura insegnante in pensione Rete delle Donne Bologna
Doriana Gallina Dirigente Regione Emilia-Romagna in pensione Bologna
Ass. OSA donna Osservatorio Salute Donna Milano
Marinella Manicardi attrice
Raffaella Petrilli (Università della Tuscia)
Laura Chiodi, precaria 28 anni
Laura Mariani docente di Storia del teatro - Università di Cassino
Loredana Nalli, dottoranda di ricerca in diritti umani.
Donata Cavazza 61 anni pensionata , agronoma, presidente di un centro di formazione
Marta Baiardi, insegnante, Firenze
Elena Hoo (Cosenza)
Carla Topi - sindacalista pensionata
Fiorenza Addivinola operaia, rsu Filcams-Cgil
Sabina Longhitano (Città del Messico).
Maria Laura Marescalchi insegnante Modena
Antonella Bussi Milano
Anna Claudia Ticca
Cristiana Silighini giornalista Marie Claire Milano
Gabriella Orlando insegnante
Gabriella Cappelletti ass. Orlando Bologna
Delfina Tromboni storica Ferrara
Presidente Raffaella Mauceri (giornalista-editrice) Rete provinciale Centri antiviolenza Le Nereidi
Siracusa - Rosolini - Avola - Augusta - Lentini
Matteo Dean giornalista da Città del Messico
Rosalia Amato direttivo CGL Bologna Ass.Orlando
Marilena Renda
Sara Fichera, architetta, acireale (CT) sottoscrivo a titolo "personale e politico" :-)
Enza Panebianco
Anna Pramstrahler
Laura Antonelli
Elena Di Gioia
LUCIANA ROCCHI direttrice Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea Grosseto
Milka Ventura Avanzinelli Docente di Storia delle Religioni Corso di laurea interfacoltà in Operazioni di pace, gestione e mediazione dei conflitti Firenze
Orietta Zeregainsegnante di Storia e Filosofia al Liceo Classico di Aosta
Luciana Tufani Editrice Leggere Donna Centro Documentazione Donna di Ferrara.
Blagovesta Guetova interprete
Gabriella Cappelletti Ass Orlando Bologna
Elisabetta Cocco
Alfredo Coppola Bottazzi Napoli
Dott.ssa Luciana Preden Bibliotecario Corte di Appello di Roma
Anna Draghetti Osservatorio Salute Donne Donne in Nero
Laura Tartari insegnante in pensione
Elena Di Gioia
Centro culturale AlterITA Città del Messico
Mattia Seligardi, contadino ed educatore, Reggio Emilia
Sandro Bellassai (maschile plurale)
Carlo Almeyra Alter ITA Città del Messico
Alfredo Coppola Bottazzi
Michele Rovagnolo Napoli
Matteo Dean Messico
Alessandro Solfrizzo
femminismolibertario, collettivo di Milano
Laura Pacelli
Mirella Croce
Centro Donna di Grosseto
Stefania Scarponi centro studi di Genere Università di Trento
Ornella Aglioti avvocato Pisa
Esther Basile- Filosofa e Presidente Associazione Eleonora Pimentel di Napoli
Laura Guidi (Università degli Studi "Federico II" di Napoli) Annamaria Medri vicepresidente ass. La città delle donne di Lucca
Beatrice Pasciuta, professore straordinario di Storia del Diritto -
Università di Palermo
Francesca Leoneschi Milano
CHIARA FABRIS – 30 anni – libera professionista – Roma
Associazione Olympia De Gouges-Centro Antiviolenza, Grosseto
Marzia Gigli, storica ed educatrice, Bologna
Marzia Gigli, storica ed educatrice, Bologna
Giuseppina Pesce, pensionata, Bologna
Daria Lazzaroni
Lorenza Morello Doctor juris conciliatore professionista dottoranda di ricerca presso l'Università degli Studi di Torino e di Montréal (CA)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna